mercoledì 12 ottobre 2011

C'è fermento!

Dal salotto ci spostiamo in cucina per parlare di (squillino le trombe)....pasta madre!

Il mio cruccio è sempre stato quello di fare il pane in casa perchè quello che si compra non mi piace molto e soprattutto perchè come dice Richard Scarry ne La pagnotta parlante (piccola chicca del mio spessore culturale!) : " Mmmm come è buono il pane appena fatto!".
Ed io aggiungo: "E quando cuoce dal forno si sprigiona per tutta casa quell'odorino squisito che ti inebria e ti abbraccia".

Ma siccome non posso essere perfetta in tutto, proprio non riesco a fare un pane buono e duraturo.

Io però non mollo e da quando mi hanno regalato la macchina del pane mi sono di nuovo buttata in questa impresa creando anche la pasta madre.
Di ricette per la pasta madre ne è pieno il web con mille consigli e trucchi quindi non ne inserisco una anche io.
Ma che soddisfazione creare da semplici elementi (farina, acqua e miele) qualcosa che si modifica e cambia ogni giorno.
Ovviamente non potevo fare tutto da sola e mi sono fatta aiutare da 2 esperti cuochi che girano per la mia casa e che mi sono stati anche vicini nell'attesa che la materia si trasformasse e fosse pronta all'uso.
(Ottimo quindi anche per intrattenere i bambini nei rinfreschi della pasta madre e per osservare con loro come cambia ogni giorno)


Ed ecco qui la mia pasta madre






Che ne dite non è adorabile??? 
Praticamente ho creato un'altra bocca da sfamare e un'altra creatura di cui occuparmi!
...a proposito qualcuno è disposto a prendersi cura di lei quando parto per un viaggio?...ovviamente faremo un piccolo inserimento prima con le persone e poi con i luoghi perché non vorrei che fosse per lei un trauma insuperabile!